Data: 26/09/2019 - 20/10/2019 | Teatro: Teatro Regio di Parma | Categoria: Da non perdere

Fervono i preparativi negli ultimi giorni prima del debutto

 

Il countdown è iniziato, mancano pochissimi giorni e sarà finalmente tempo di Verdi Off e Festival Verdi. Il 21 settembre una divertente e festosa Verdi Street Parade inaugurerà la IV edizione di Verdi Off e sarà anteprima della XIX edizione Festival Verdi 2019, in programma dal 26 settembre al 20 ottobre al Teatro Regio di Parma, al Teatro Giuseppe Verdi di Busseto e da quest’anno, per la prima volta in assoluto, alla monumentale Chiesa di San Francesco del Prato del XIII secolo, oggi vero e proprio cantiere in corso di restauro nel cuore della città.

 

Il 18 settembre 2019 le prove aperte de I due Foscari daranno il via al fitto calendario di appuntamenti: 4 titoli per 4 debutti in 4 giorni consecutivi, con 3 nuovi allestimenti in 3 luoghi diversi, 3 commissioni in prima assoluta, opere, concerti, recital, incontri, 29 eventi per 81 appuntamenti in 25 giorni di festival, che ruotano intorno al 206° compleanno di Giuseppe Verdi, il 10 ottobre.

 

Ultimata in maggio nei Laboratori del Teatro Regio di Parma la costruzione dei nuovi allestimenti delle 4 opere in programma, iniziata nel mese di febbraio, e completato il montaggio delle scene al Teatro Regio, al Teatro Verdi di Busseto e alla Chiesa di San Francesco del Prato prima della pausa estiva, dal 19 agosto scorso sono infatti riprese a pieno ritmo tutte le attività: nei laboratori di sartoria per la messa a punto dei 615 costumi; nei diversi luoghi di spettacolo per le prove, che contemporaneamente coinvolgono 4 orchestre, 2 cori e oltre 150 artisti. Un grande impegno organizzativo, oltre che artistico, che assicurerà agli spettatori che raggiungeranno Parma e Busseto di poter assistere in 5 giorni a 4 opere e un concerto.

 

La nuova edizione del Festival coinvolge 154 artisti, tra cantanti, musicisti, assistenti, attori, mimi, ballerini, maestri collaboratori compresi 4 bambini, insieme ai 195 dipendenti del Teatro Regio (87 dei quali under 35), tra elettricisti, fonici, attrezzisti, falegnami, macchinisti, scenografi realizzatori, sarti, truccatori, parrucchieri, personale amministrativo, di sala e di portineria, provenienti da 12 Paesi (Italia, Spagna, Francia, Moldavia, Russia, Cina, Corea, Germania, Marocco, Svizzera, Tunisia, Ucraina).

 

In occasione del Festival Verdi, il Teatro ospita 30 giovani tirocinanti provenienti dall’Accademia Verdiana del Teatro Regio di Parma, dall’Università di Parma, dall’Accademia di Brera, dall’Accademia del Teatro alla Scala, dalla Verona Opera Accademy, dal Conservatorio “Arrigo Boito” di Parma, dal Conservatorio G. Nicolini di Piacenza, dall’Istituto Superiore di Studi Musicali “Achille Peri – Claudio Merulo” di Reggio Emilia, dall’Istituto Superiore di Studi Musicali “O. Vecchi – A. Tonelli” di Modena e dal Progetto alternanza scuola lavoro di Parma: un’occasione di formazione preziosa per i giovani che si affacciano al mondo del lavoro e un’opportunità anche per il Teatro che su questi giovani ha deciso di investire: diversi dipendenti della Fondazione Teatro Regio di Parma sono infatti stati assunti, negli ultimi anni, dopo un analogo periodo di tirocinio. Inoltre, il Teatro ospita tirocinanti appartenenti a categorie protette, alcuni dei quali provenienti dagli Istituti Penitenziari di Parma in attuazione del protocollo d’intesa siglato nel 2016.

 

Anche quest’anno l’Accademia Verdiana, istituita nel 2017 dal Teatro Regio di Parma e giunta al terzo anno di attività, offre a 12 giovani cantanti lirici selezionati la possibilità di conseguire una preparazione vocale, musicale e teatrale di eccellenza a titolo gratuito, usufruendo di una borsa di studio, frequentando il corso di “Alto perfezionamento in repertorio verdiano”, grazie al sostegno della Regione Emilia Romagna e del Fondo Sociale Europeo (Operazione Rif. PA 2018-9806/RER approvata con Delibera di Giunta Regionale n.1208/2018 co-finanziata dal Fondo Sociale Europeo PO 2014-2020 Regione Emilia-Romagna). Tutti e 12 i cantanti dell’Accademia Verdiana 2019 si esibiranno in vari concerti in programma per Verdi Off, 3 di loro prenderanno parte alla produzione di Aida e tre cantanti dell’Accademia Verdiana 2018 fanno parte del cast di Luisa Miller e I due Foscari.

 

Oltre 300 lavoratori animano dunque gli spazi del Teatro Giuseppe Verdi di Busseto, della Chiesa di San Francesco del Prato e del Teatro Regio, ove, oltre al palcoscenico, sono impegnate simultaneamente per le prove anche le sale del Ridotto, la Sala Gandolfi, la Sala di Scenografia e le sale del Centro di Produzione Musicale dell’Auditorium Paganini.

 

Nel mese di agosto il sito del Teatro Regio (teatroregioparma.it) è stato visitato da 99 Paesi diversi, da 19.546 utenti di cui 17.716 nuovi, per un totale di 25.610 sessioni. Ogni utente ha visitato 3.24 pagine a sessione per un totale di 83.019 visualizzazioni di pagine, con un tempo medio di permanenza di ben 3.05 minuti. A settembre, i dati di navigazione sono raddoppiati rispetto ad agosto: solo nei primi 15 giorni del mese si sono collegati al sito 15.609 utenti di cui 13.261 nuovi per un totale di 21.535 sessioni. Ogni utente ha visitato 3.39 pagine per sessione per un totale di 73.0560 visualizzazioni di pagina, con una durata media di 3.12 minuti. Dai dati di navigazione, si stima che alla fine del mese di settembre si totalizzeranno oltre 150.000 visualizzazioni.

 

Attualmente sono 47.265 gli utenti che seguono la pagina Facebook del Teatro Regio di Parma dei quali, nell’ultimo mese, oltre 1.600 hanno poi cercato informazioni su biglietti e sulla programmazione sul sito del Teatro Regio. I followers del profilo Twitter @RegioParma sono 3935 e, in continua crescita, quelli del profilo Instagram @regioparma ad oggi 7310, con la media di 300 visite settimanali al profilo.

 

Molte e da non perdere sono le novità del programma di Verdi Off, la rassegna di appuntamenti collaterali al Festival Verdi, quest’anno alla sua IV edizione, che il Teatro Regio di Parma realizza con il Comune di Parma e con l’Associazione “Parma, io ci sto!”, sponsor Parmacotto, Engel&Völkers. Oltre 150 appuntamenti a ingresso libero, più di 50 eventi in 30 luoghi diversi a Parma e in provincia dal 21 settembre al 20 ottobre 2019, che coinvolgeranno più di 1500 persone tra artisti e tecnici.

 

Ancora pochi giorni dunque all’inizio del Festival Verdi e di Verdi Off, per farsi contagiare dalla festosa atmosfera che abbraccerà Parma, Busseto e le terre di Verdi.

 

 

PARTNER E SPONSOR

 

Il Festival Verdi è realizzato grazie al contributo di Comune di Parma, Ministero per i beni e le attività culturali, Reggio Parma Festival, Regione Emilia-Romagna, Parma 2020 Capitale Italiana della Cultura. Major partner Fondazione Cariparma. Main partners Chiesi, Crédit Agricole. Media partner Mediaset. Main sponsor Iren, Barilla. Sponsor Opem, Dallara, Unione Parmense degli Industriali. Sostenitori Dulevo, Mutti, Sicim, Smeg, Cantine Ceci, Agugiaro & Figna, La Giovane Advisor AGFM.  Radio ufficiale Radio Monte Carlo. Con il supporto di “Parma, io ci sto!”. Con il contributo di Diocesi di Parma, Comitato per San Francesco del Prato, Comune di Busseto, Concorso Internazionale Voci Verdiane Città di Busseto, Camera di Commercio di Parma, Fondazione Monte Parma, Ascom. Partner istituzionali La Toscanini, Fondazione Teatro Comunale di Bologna. Partner artistici Coro del Teatro Regio di Parma, Società dei Concerti di Parma, Orchestra Giovanile della Via Emilia, Conservatorio “Arrigo Boito” di Parma, Barezzi Festival. Il Festival Verdi è partner di Fedora, Opera Europa. Il Festival Verdi ha ottenuto Effe Label 2019-2020. Sostenitori tecnici IgpDecaux, MacroCoop, Milosped, Grafiche Step, Andromeda’s, De Simoni, Azzali Editore. Tour operator partner Parma Incoming.

 

La promozione internazionale del Festival Verdi 2019 è realizzata dal Teatro Regio di Parma in collaborazione con Enit, Istituti italiani di cultura, Assessorato alla Cultura della Regione Emilia-Romagna, Emilia-Romagna APT Servizi, Assessorato al Turismo e Commercio del Comune di Parma, con il tour operator partner Parma Incoming e prevede un roadshow con tappe in Spagna (Madrid), Argentina (Buenos Aires), Perù (Lima), Brasile (São Paulo, Rio de Janeiro), Uruguay (Montevideo).

 

Verdi Off è realizzato in occasione del Festival Verdi dal Teatro Regio di Parma con Comune di Parma, Parma 2020 Capitale Italiana della Cultura, “Parma, io ci sto!”. Sponsor Parmacotto, presente tra le vie della città durante la sfilata, Engel&Völkers.

 

L’immagine esclusiva del Festival è il ritratto di Giuseppe Verdi realizzato a matita da Renato Guttuso negli anni ’60, donato al Teatro Regio di Parma dall’Archivio storico Bocchi e concesso da Fabio Carapezza Guttuso ©Renato Guttuso by SIAE 2019.

Ti potrebbero interessare:

  • LA PESTE

    13/12/2019 - 14/12/2019

    13 - 14 dicembre – “LA PESTE” – Regia Mario Mascitelli. Spettacolo per uno spettatore alla volta. Prenotazione obbligatoria al 351 5337070- TDC

  • ANNA DEI MIRACOLI

    14/12/2019 - 15/12/2019

    ANNA DEI MIRACOLI di William Gibson con Mascia Musy  adattamento e regia Emanuela Giordano 14 dicembre 2019 ore 20:30 15 dicembre 2019 ore 16:00

  • CARMEN E BOLERO

    14/12/2019

    CARMEN Sangue, amore, morte, sono questi gli ingredienti di questo nuovo spettacolo. Il sipario si apre con la scena finale e poi attraverso una voce narrante si snoda man mano come riavvolgendo simbolicamente un nastro, come in un flashback, fino alla scena iniziale. Credo che nell’immaginario collettivo, quando si parla della Carmen, la si associ a delle immagini immediate: zingari, ventagli, spagna, toreri e a tutto ciò che il melodramma di Bizet si porta dietro; ho quindi pensato di andare in profondità, di immaginare una Carmen e soprattutto gli altri personaggi con delle sfumature e dei profili completamente diversi o comunque mai rappresentati. Il rapporto che lega Josè a Carmen è quello distinto dalla consapevolezza dell’amore e del destino intesi come un’entità fatalmente predeterminata, che vive sapendo perfettamente di non poterla alterare. L’ensemble è formato da 9 danzatori (su richiesta la formazione si può ampliare fino a 14 danzatori), le scene sono state effettuate da Europascene, i costumi da Luisa Spinatelli, coreografia e regia di Luigi Martelletta. BOLERO Sulle note del famoso Bolero di Ravel si concluderà lo spettacolo. Al centro di una taverna su un tavolo un ballerino danza. Intorno a lui si aggirano donne e uomini assetati d’ebbrezza. Il binomio danza-musica in questo balletto provocherà una miscela esplosiva che coinvolgerà e travolgerà il pubblico in un susseguirsi di emozioni.

  • I BISLACCHI OMAGGIO A FELLINI Artemis Danza/Monica Casadei

    14/12/2019

    Personaggi stralunati sospesi tra poesia e fantasia in un mondo surreale. Notti felliniane in bilico tra Circo e Dolce Vita.

  • Pane, amore e fantasia

    15/12/2019

    15 dicembre - “Pane, amore e fantasia” - ore 15.30 “BABBO NATALE SI È AMMALATO” – ore 16.30 merenda offerta dal teatro – ore 17.00 “BABBO NATALE E LA BEFANA” Teatro del Cerchio

  • Opera Meno 9 

    16/12/2019 - 17/03/2020

    Opera Meno 9 Una culla sonora per la famiglia, consigliata dal quinto all’ottavo mese di gravidanza, quando il bambino nella ...

  • LE DISAVVENTURE DI PINOCCHIO

    21/12/2019

    21 dicembre 2019 LE DISAVVENTURE DI PINOCCHIO Una favola musicale basata sul romanzo di Carlo Collodi creazione Trio Amadei, Teatro ...

  • UN CANTO DI NATALE

    21/12/2019 - 22/12/2019

    21 - 22 dicembre 2019 UN CANTO DI NATALE di Charles Dickens reading con Gigi Dall’Aglio produzione Fondazione Teatro Due SPAZIO SHAKESPEARE ...

  • HANNO RUBATO IL NATALE

    22/12/2019

    22 dicembre – “HANNO RUBATO IL NATALE!” – con Mario Aroldi e Gabriella Carrozza – nuova produzione 2019 Teatro del Cerchio

  • IL TOPO FEDERICO

    29/12/2019

    29 dicembre – “IL TOPO FEDERICO” – con Silvia Santospirito, Giovanni Pazzoni, Giulio Landini e Mattia Scolari. Teatro del Cerchio

  • SHAKESPEARE X 2

    11/01/2020

    Una simpatica baruffa teatrale all’ombra del Globe in compagnia di Prospero e Puck, Amleto e Schylock, Giulietta e Marcantonio di Girolamo Angione e Gian Mesturino da William Shakespeare movimenti di scena Gianni Mancini preparazione vocale Gabriele Bolletta musiche della tradizione popolare irlandese regia Girolamo Angione Un’epidemia di peste, che ricorda in modo impressionante quella che visse William Shakespeare nel 1592-94, causa la chiusura dei teatri. In un teatro, però, sono rimasti due attori e il pubblico. Le autorità vietano di lasciare la struttura. Non resta che proporre una carrellata sulle opere del Bardo, aspettando tempi migliori… Quale giovane attore non sogna di interpretare un giorno in vita sua almeno una delle memorabili scene di qualche celeberrimo capolavoro dell’immortale Shakespeare? Di farne il proprio cavallo di battaglia, d’essere subissato dagli applausi, osannato dalla critica, portato in trionfo tra l’entusiasmo dei – o meglio, delle fans, conteso dai Talk show, invitato da Marzullo? Bene. Ora fate conto che gli attori siano due e, presi dal sacro fuoco, comincino a sfogliare dapprima l’elenco delle opere del Bardo (fortuna che sono solo 37…) poi l’elenco delle scene più famose dei titoli più famosi, e infine i personaggi più affascinanti e le battute più belle; e subito, come per gioco o per sfida o per invidia, perfidia, odio, amicizia, follia, disperazione, affetto, perfino per amore, si provino a recitarle: “Io faccio Prospero e tu Ariel, dai proviamo!”… “e Amleto? L’essere o non essere, te le vuoi perdere?” “Allora Enrico III: L’inverno del nostro scontento…”; “Se è per questo, preferisco Otello: Hai detto le tue preghiere questa sera, Desdemona?”. “Bravo! E cosa dovrei fare io, Desdemona?”; “E perché no?” “Perché sono un maschio!” “E allora? Al tempo di Shakespeare recitavano solo gli uomini. Avanti, fa’ Desdemona se no ti strozzo!” “Sì, ma dopo tu fai Giulietta!” “No, Caterina tutt’al più, così ti meno”. E così via, da Giulio Cesare al Mercante di Venezia, da Macbeth a Re Lear, dalla Dodicesima notte al Sogno, alle Allegre comari, a Molto rumore per nulla. I nostri attori scherzano tra loro, improvvisano, s’inventano gag e si fanno i dispetti; ma quando si tratta di recitare il Bardo diventano serissimi e danno il meglio di sé. Ne va dei loro sogni di gloria. Dunque, se amate Shakespeare, non perdete l’occasione di scoprire per piccole dosi le sue opere più belle; non correte alcun rischio, perché, come dice il Poeta, “se noi, ombre, vi abbiamo scontentato, pensate allora - e tutto è accomodato - che avete qui soltanto sonnecchiato”...

  • GIUSEPPE 3 Dialoghi matrimoniali poco seri

    11/01/2020 - 12/01/2020

    Un’esplorazione iperbolica nella vita intima e matrimoniale di tre coppie famosissime.

  • MAZE

    11/01/2020

    11 gennaio – “MAZE” – con Valeria Bianchi, Aurora Buzzetti, Giulia De Canio – UnterWasser – Finalisti IN-BOX 2019

  • UNA BELLISSIMA CATASTROFE

    12/01/2020

    12 gennaio – “UNA BELLISSIMA CATASTROFE” – Teatro Pan di Lugano

  • SPOSATO SENZA FIGLI

    17/01/2020 - 19/01/2020

    17/18/19 gennaio  Eduardo Saitta Loredana Scalia - Massimo Procopio - Lucia Debora Chiaia - Eleonora Musumeci SPOSATO SENZA FIGLI di Federica Susini - regia Eduardo Saitta

  • BRILLANTINA

    19/01/2020

    19 gennaio - “BRILLANTINA” – Cooperativa Teatrale Prometeo di Bolzano

  • AMLETO + DIE FORTINBRASMASCHINE

    24/01/2020 - 25/01/2020

    AMLETO + DIE FORTINBRASMASCHINE spettacolo inserito nel cartellone di Parma 2020

  • LA VISITA DELLA VECCHIA SIGNORA

    24/01/2020 - 25/01/2020

    24-25 gennaio e 1 febbraio – “LA VISITA DELLA VECCHIA SIGNORA” – regia Mario Mascitelli – Nuova Produzione TDC 2020

  • Pane, amore e fantasia

    26/01/2020

    26 gennaio - Pane, amore e fantasia - ore 15.30 “I VESTITI NUOVI DEL PRINCIPE AMLETO” – ore 16.30 merenda offerta dal teatro – ore 17.00 “IL GATTO E LA VOLPE (aspettando Mangiafuoco)” – Teatro del Cerchio

  • IL RE ANARCHICO E I FUORILEGGE DI VERSAILLES

    31/01/2020

    diretto da Paolo Rossi di Georgia Rossi e Emilio Russo con Paolo Rossi, Renato Avallone, Marianna Folli, Marco Ripoldi, Chiara Tomei e con Francesca Astrei e Caterina Gabanella musiche dal vivo suonate da Emanuele Dell’Aquila e Alex Orciari Paolo Rossi, il più imprevedibile e incisivo degli attori comici italiani, qui presente non solo nella veste di autore, ma anche di regista e interprete, prosegue con il lungo viaggio attorno al pianeta Molière, con Il re anarchico e i fuorilegge di Versailles. ll re anarchico e i fuorilegge di Versailles è il racconto di un sogno, attraverso cui la compagnia arriva finalmente a destinazione, è un varietà onirico di diversi numeri e di diversi livelli di espressioni artistiche, che spaziano dalla prosa alla musica. Ancora una volta si incrociano con le visioni del tempo presente la storia del conflitto tra il potere e i fuorilegge, intesi come coloro che vivono ai margini della strada e non hanno voce, il bilico tra la scena e la vita, tra il teatro e il potere. Uno spettacolo di teatro, sogno, speranza, parola, musica e… risate.

1 2