By On marzo 5, 2014 9:44 am

Dopo Franco Battiato e Angelo Branduardi, sabato 15 marzo con un concerto al Teatro Comunale Luciano Pavarotti è Marco “Morgan” Castoldi il terzo e ultimo protagonista della rassegna sui cantautori italiani organizzata da “International music and arts” con la collaborazione di Comune di Modena e Fondazione Teatro Comunale di Modena. Al suo nuovo inedito “Spirito e Virtù” fa seguito un nuovo disco per Sony Music e un suo libro autobiografico dal titolo “Io, l’amore, la musica, gli stronzi e Dio” in via di pubblicazione. Il live a Modena propone l’alternarsi di pezzi dell’originale artista monzese, inclusa la nuova fatica discografica, e grandi successi del passato in un percorso musicale che va da Debussy ai Pink Floyd, a Luigi Tenco. Il “Morgan virtour” è l’occasione per riscoprire la profonda conoscenza della musica da sempre ha caratterizzato l’artista Castoldi, al di là delle polemiche e dei gossip legati al personaggio Morgan, alla sua vita privata e alle sue partecipazioni a programmi televisivi.

Polistrumentista già da bambino, Morgan ha iniziato il suo percorso discografico negli anni ’80 quando influenzato dal New Wave, ida New Romantic, dal Synth pop, ha dato vita, insieme ad Andrea “Andy” Fumagalli, dapprima i “Golden Age” e poi la celebre